HQ-HEADQUARTER non è uno spazio preciso ma molte cose insieme. Come la mia vita: mai stata una cosa sola.E’ luogo di raduno. Un luogo mentale prima ancora che fisico, dove le parole hanno un senso ed i progetti trovano il modo per realizzarsi.

 

Qui gli artisti possono creare, confrontarsi in assoluta libertà, trovare la giusta relazione economica col mercato, nel bellissimo cortilemilanese di fine ‘800 dove, in un antico opificio, ha sede la galleria.

 

Ma prima ancora, fin dall’inizio degli anni ’80, in questo spazio, musica, arte, poesia, TV sperimentale, management artistico, eventi culturali e incontri si sono susseguiti con armonia e frenesia, nella costruzione di manifestazioni della creatività. Per alcuni decenni a primeggiare fu la musica, la poesia e la TV e oggi, da quasi un decennio è arrivata l'arte. Sopra ogni cosa.

 

Da questo luogo sono passati molti dei grandi artisti del ‘900: da quelle prime installazioni di Brian Eno, negli '80, in Triennale a Milano, da Yoko Ono a Vostell, Eco, Attali, passando da Nam June Paik alle performance di John Cage, Philip Glass, Keith Haring …

Fino ad oggi dove curiosità, mestiere, contatti, bellezza, passione, capacità organizzative, emozione e creatività sono diventati gli ingredienti messi al servizio del progetto HQ-HEADQUARTER, da cui sono già nati tantissimi eventi e mostre.

 

La Galleria nasce nel 2008 per la consulenza ed il management di alcuni artisti italiani e la produzione di mostre. Organizza appuntamenti importanti come W.A.R. We Are Restless  di Tom Porta, al Palazzo Ducale di Genova, nel 2011. Nel 2012 partecipa, con grande successo di critica, alla Biennale di Venezia con 4 artisti: Fabrizio Bergamo fotografo, Francesco di Luca scultore, Fabio Giampietro e Tom Porta pittori.

 

Dal 2011 organizza, in Milano, la mostra/rassegna PIKS che è stata accolta dalla città in maniera veramente entusiasta. Siamo alla III edizione ed il progetto è di continuare con cadenza biennale invitando anche ospiti internazionali.

Dal 2013 è partita una nuova iniziativa, La Grande Magia che ha come ideale e scopo quello di avvicinare Architettura Arte, Letteratura e Cinema.

 

Il 2014 e ’15 sono dedicati alla produzione della mostra di Tom Porta INFERNO, 1914/1918. Un progetto ispirato al centenario della I Guerra Mondiale che ha debuttato nella prestigiosa sede del Famedio a Milano e che sta girando in altre città italiane ed europee.

 

Il 2016 è l’anno del susseguirsi di mostre, quasi una al mese: Tom Porta con i teschi di The Box, Tancredi Fornasetti con la sua geometrica architettura, Fabrizio Bergamo con le nuove opere di Fiori e Bambole, ad aprile Andrea Greco con la mostra SENTIO.

 

A maggio la collettiva con 14 artisti Ce n’est q’un debut…, anteprima di una grande mostra internazionale sul cinquantenario del 1968.

A settembre Renzo Chiesa il fotografo, poi  Luca Artioli con ESPRIT e Valentina Tamborra con il suo progetto DOPPIA LUCE di ritratti in divenire.

 

Il 2017 inizia con Bart Herreman ed il suo surrealismo fotografico. Seguiranno le mostre di Alessandro Spadari, Margot Errante, affermata fotografa italiana che vive ad Hong Kong  ed una grande collettiva su Milano.

Sarà anche l’anno di una collaborazione con Lussemburgo per la nascita di un nuovo polo dedicato alla cultura e l’arte ed un importante progetto per Los Angeles: MILAN.IN – MILAN.ON

Gennaio 2017

Mario Giusti

©  2014 - vietata la riproduzione di testi e immagini senza il consenso degli autori - Designed by GMdesign

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now